Con gli amici Sem e Marco sulla Quota 2433

Trieste, 1 aprile 2018

Un giorno, e mentre stavo sistemando le ultime diapositive sul racconto della mia salita sulla Quota 2433 m della Crete Cacciatori con Rosanna e Armando Cossutta per il mio blog, proprio l’ultima attirò la mia attenzione.

1Sì; perché mi ricordò d’averla salita con Sergio Lusa e Marco Arnez il 20 ottobre 1995; e già pubblicata nel mio blog aprile 2012.

Ritorno a pubblicarlo aggiornato e migliorato in questa serie di pubblicazioni per ricordare l’amico Sem.

In quella stagione il bel tempo continuava ancora promettente; e una sera in Sede della XXX Ottobre cicola e ciacola con gli amici del Gruppo Rocciatori, Marco Arnez propose a Sergio Lusa, Sem per gli amici, d’andare a ripetere a via dei Triestini di Spiro Dalla Porta Xidias, Bianca Di Beaco e Walter Mejak con attacco R. Mazzilis sulla Crete Cacciatori 22367 m nel Gruppo dell’Avanza – Alpi Carniche.
La proposta fu subito accettata; e l’amico Sem non mancò d’invitarmi a partecipare.

2 II Campanile delle Genziane 2301 m.

Quel giorno andammo con la spaziosa macchia di Sem; e dal posteggio a piedi per il sentiero più che conosciuto ridendo e scherzando al bivio per la Forcella delle Genziane.

3La parete Sud-Est della Crete Cacciatori 2475 m.

Sì; e a seguire a sinistra per il ripido canalone a Nord dei Campanili, e meno euforici perché faticoso, arrivammo alla base della nostra parete già vista e fotografata.

4L’Anticima Nord Est 2429 m, e la Forcella delle Genziane.

La sotto, anche se era nell’ombra, commentammo il passaggio dello strapiombo con il vano soprastante che è il tratto più impegnativo della variante.
Intanto eravamo già pronti per la salita, e così Marco chiese a Sem di lasciare a lui il passaggio dello strapiombo.
Non solo quello, ma tacitamente poi tutta la salita.

5Marco impegnato in uno dei due tentativi.

Per superarlo non bastarono meno di due tentativi; ma poi noi due con la corda dall’alto ricuperammo il tempo richiesto.

6L’arrivo di Sem nel terrazzino.

Solo quel primo tiro di corda; poi la salita riprese bella e logica per il canale che continua, e fino a uscire sulla parete appena poggiata e al sole con appigli sicuri.

7Sì; e dove al sole Marco si fermò a far terrazzino aspettandoci perché la lunghezza successiva è difficile.

8Una volta riuniti lui proseguì ancora per breve tratto per poi poggiare a destra nel canale-camino verticale che è l’unica possibilità per continuare, e fino a trovare dove far terrazzino.

9Così anche nella lunghezza successiva; ma solo un tratto perché il canale si allarga insuperabile, e Marco dovette pertanto tenersi sul bordo arrotondato e levigato.
Solo un tratto perché il canale torna a restringersi; e il traverso per entrarci è difficile per il bordo di roccia è liscia che non facilita il traverso.
Così, e dopo alcuni tentativi, Marco si accorse che poco più sopra dalla parete fuoriusciva un anello di cavetto; e con un difficile innalzamento era la sotto.
Sì; un nut infilato in un buco fessura della parete, e che andava su e giù.
Così lo adoperò tenendolo con una mano per l’equilibrio, e fino a trovare l’appiglio giusto per l’altra; e con quella garanzia traversò il canale raggiungendo uno slargo detritico per far terrazzino.

1011Toccò a me; e assicurato con la corda fu tutto più facile; e dalla sosta anche documentare Sem impegnato in quel tratto, con retrostanti il I e II Campanili delle Genziane.

12Una volta riuniti non ci slegammo, e anche se facile proseguimmo in ordine di cordata ma senza raggiungere la cresta perché preferimmo sostare la sotto riparati al sole e sistemare il materiale nei rispettivi sacchi.
Arrivò il momento di riprendere la facile salita per la Cima, e una volta in Cresta loro due preferirono invece di proseguire verso la Cima di Mezzo 2466 m.

13Sem e Marco, la Crete Cacciatori e il Gruppo del Volaia.

14Sem, Crete Cacciatori 2475 m e il Monte Avanza 2489 m.

Così gli anticipai nel percorso per riprenderli.

15Sulla Quota 2433 m: 20 ottobre 1995; Sergio Lusa Sem, Marco Arnez e Tullio Ogrisi.

16Il Monte Peralba 2694 m

17La Giogaia Veranis

18La Giogaia del Fleons

Poi la veloce discesa che non ha lasciato ricordi.

19La vasta parete con il tracciato della salita.

20Tracciati della salita e discesa.