Alpinismo nel Gruppo del Monte Avanza

Trieste, 1 gennaio 2018

Sul Monte Avanza per la Cima della Miniera 2462 m.

In quella stagione in Montagna il bel tempo era ancora una costante, e contando sulle Festività dei primi giorni di Novembre, cicola e ciacola con l’amico Rinaldo Sturm, ci accordammo di salire per il giorno due, la Cima della Miniera a noi sconosciuta per la via Sergio De Infanti e Antonio Solero sulla parete Sud; e con la successiva salita sulla Cima del Monte Avanza per poi poter scendere senza difficoltà.

Così quella mattina posteggiata la macchina sugli ultimi tornanti, tagliammo per pascoli fino a incrociare il sentiero di Casera Avanza di là di sopra m 1693; e raggiuntala valutammo l’approccio alla parete a noi sconosciuta.
Niente; nella parte bassa della parete era evidente il percorso per raggiungere la Cengia del Sole che lo attraversa, mentre non individuammo l’attacco alla via programmata, e pertanto dovremmo cercarlo.
Sì, e una volta la sotto andò proprio così perché non interpretammo “il dente” della relazione anche perché la parete incombente era difficile; e così fino a che trovammo l’unica possibilità per iniziare la sua salita.
Il tempo di metterci in cordata e Rinaldo affrontò la parete di roccia compatta assecondando la sua conformazione fino a dover traversare a destra.
Una volta raggiuntolo riprese il traverso sulla parete difficile fino a incrociare una scanalatura promettente che gli facilitò la salita; e più sopra anche la possibilità di far terrazzino sottostante uno strapiombo con una larga fessura.

01x sulla De InfantiNon mi ricordo se in quel tratto c’era qualche chiodo; e per un momento fu anche tentato di raggiungere l’ampio sbocco del canale soprastante anche se più difficile.
Sì e no; e decise di portarsi sotto lo strapiombo delimitato da una larga fessura.
Così una volta la sotto preferì invece far terrazzino aspettandomi prima d’attaccarlo.

02x  entrta nella fessura- Tien ben che vado. Sì; e prima che entrasse nella larga fessura la foto ricordo.

Solo un tratto perché Rinaldo trovò invece un buon chiodo, e preferì far terrazzino per avere più corda; e m’invitò a raggiungerlo.
- Orpo. Sì, e una volta la dentro c’era uno spettacolo da non trovar parole per descriverlo.
Così anche controllammo lo scorrere della corda nei moschettoni; e via.

03x particolariRinaldo sopra la strozzatura strapiombante; e lo fotografai perché volevo documentare l’impensabile lunghezza di corda con luce e ombra particolari dovuta al sole già basso in quella stagione.
Ancora un tratto, e trovò un buon chiodo.
Così agganciò il moschettone e passò la corda; e via.

04x particolariSì; e anche in ampia spaccata.

05x fame una fotoVerso la fine del camino; e prima che decidesse il punto per abbandonarlo a sinistra.

Non lo vedevo; ma arrivò: – Tullio vien.
Sì, e con la corda dall’alto tutto fu più facile per me, meno che l’uscita sulla liscia parete del camino in arrampicata; e valutando la bravura dei primi salitori, e che in altre occasioni ho conosciuto.
Intanto nel terrazzino raggiunto, e al calore del sole, studiavamo sulla parete incombente per dove riprendere la salita anche perché non riuscivamo a interpretare la relazione riportata sul testo.
Niente; e così decidemmo di continuare la salita a vista.

06x verso sxOrmai la striminzita relazione del testo non serviva più; e riprendemmo a salire la parete raggiunta evitando le difficoltà e verticalità.

07x che bela rociaCosì e fino a una parete a rampa di roccia chiara; e dove l’amico si divertiva dando dimostrazioni delle sue capacità.
Così ridendo e scherzando, con due lunghezze di corda ci trovammo in un vano dal fondo quasi piatto tra pareti dalle strutture rocciose indescrivibili.

08x l'ultimo trattoPoi sulla parete poggiata Rinaldo trovò la via per riprendere la salita.

09x  2 nov. 1982 Sturm - OgrisiPer nostra fortuna ancora solo due tiri di corda e con difficoltà decrescenti, e per neve in Cima: 2 novembre 1982.

10x Volaia-Coglians CjanevateI Gruppi del Volaia, del Monte Coglians e della Creta da Cjanevate.

Sì; e cicola e ciacola per non perdere altro tempo restammo legati perché dovevamo ancora salire sulla Cima del Monte Avanza per poi scendere per la sua facile via normale che conoscevo.
Così seguimmo la Cresta innevata verso Ovest, e fino a vedere conveniente passare sulla facile parete innevata del Monte Avanza; e fino in Cima.

11x Cresta e Cima della MinieraLa Cima della Miniera 2474 m.

Perdemmo solo il tempo per la fotografia, e sistemare il materiale d’arrampicata nei rispettivi sacchi.

12x discesa dall'Avanza - CopiaMan mano scendendo la foto ricordo.

13x idem - CopiaSì, e Rinaldo la volle anche con l’ometto da lui ricostruito.

14x verso l'Avanza - CopiaIl versante Ovest del Monte Cjadenis, il versante Nord della Crete Cacciatori, e il Gruppo del Monte Avanza per una migliore lettura.

15x tracciatoTracciato